Quando ogni punto di contatto diventa una transazione

Adatta la tua attività al nuovo percorso dei consumatori con il commerce distribuito

Il commerce distribuito sta stravolgendo gli schemi di acquisto tradizionali; i consumatori non seguono più un percorso lineare verso l'acquisto ma vagano fra i diversi punti di contatto, tra cui web, social media, dispositivi mobili e negozi fisici.

Il report esamina:

  • I fattori che determinano il nuovo percorso di acquisto
  • L'impatto dell'IoT, della messaggistica e della realtà virtuale sul retail
  • Le strategie di vendita su diversi social network

I modi in cui il cloud commerce di livello aziendale aiuta i retailer a espandersi rapidamente su tutti i punti di contatto Tutti i campi sono obbligatori.

-- Please Select... --

-- Please Select... --

-- Please Select... --

Tutti i campi sono obbligatori.

Un nuovo percorso per il consumatore

L'ultima "invenzione", probabilmente quella con il più grande impatto sul retail, forse quanto Internet, è il concetto di commerce distribuito, ovvero la possibilità per i consumatori di acquistare da qualsiasi dispositivo, piattaforma o applicazione connessa a Internet. In parole semplici, il concetto di "canale" è in aperta antitesi con i cardini del commerce distribuito, che dirottano la prospettiva dello shopping completamente sui consumatori che acquistano ovunque, nell'ambito di un'esperienza globale.

Il commerce distribuito sta stravolgendo i tipici schemi di acquisto; i consumatori non seguono più un percorso lineare ma vagano fra i diversi punti di interazione.

In qualunque tessuto demografico, a prescindere da età, livello di istruzione, razza, etnia, reddito, sesso e provenienza, i social media sono parte integrante del nostro quotidiano. Secondo un rapporto2 stilato a ottobre 2015 dal Pew Research Center, il 65% degli adulti americani usa i social network, quota decuplicata negli ultimi 10 anni. Tra i giovani adulti (18-29 anni) l'uso dei social media è ancora più radicato, con un buon 90% che usa uno o più social network. Fino a poco fa, tali siti venivano utilizzati principalmente come mezzi di comunicazione e condivisione.

A mano a mano che la condivisione ha iniziato a includere le discussioni su prodotti e brand, gli esperti di marketing hanno registrato questo cambio di rotta. Dopotutto, quale modo migliore per stimolare un acquisto se non coinvolgere i potenziali clienti proprio quando stanno pensando al tuo prodotto?

Search terms must be at least 3 characters long